.
Annunci online

dunque [ deduzioni di un idiota ]
 



30 dicembre 2003


SVENDUTE LE IMPRESE IRACHENE

Spoils Of War: US Plans To Sell Off Iraqi Businesses Are Simply The Modern Equivalent Of Pillage

by Brian Whitaker, The Guardian Unlimited
October 17th, 2003


For centuries, pillage by invading armies was a normal part of warfare: a way in which to reward badly-paid or unpaid troops for risking their lives in battle.
Nowadays, at least in more civilised countries, we do not let armies rampage for booty. We leave the pillaging to men in suits, and we don't call it pillaging any more. We call it economic development.
Today, the men in suits are gathering at Olympia, in London, for a two-day conference and exhibition entitled Doing Business in Iraq. Protesters will be gathering outside.
The event, which is sponsored by the US-Iraq business council, is one of a series being held in different parts of the world over the coming 12 months (another will take place in Moscow in December), culminating in a grand spoils of war exhibition in Baghdad towards the end of next year.
According to the organisers, speakers at the London conference will include several US government officials as well as a representative from Trade Partners UK, the British government's export promotion department.
This fits in neatly with plans announced in June by Paul Bremer, the head of Iraq's provisional authority, to sell off the country's state-owned industries (excluding, for the time being, oil, gas and minerals) and turn it into a US-style capitalist wonderland.
Last month, Mr Bremer issued CPA order number 39, giving foreign investors unrestricted rights to establish businesses in Iraq and/or buy up Iraqi companies.
The order also allows foreign investors to repatriate profits, dividends, interest and royalties immediately and in full. In other words, they can make a fast buck if they want to, without putting anything back.
While few would disagree that Iraq's industry needs modernisation and restructuring, two questions arise: has Mr Bremer the legal powers to do this, and is he going about it in the right way?
He has already acknowledged that his plans will create large-scale unemployment, at least in the short term. His earlier decision to disband the Iraqi army exacerbated the country's fragile security situation by leaving several hundred thousand disgruntled ex-soldiers with nothing better to do than cause trouble.
That is now widely regarded as a major blunder, and Mr Bremer now seems intent on repeating the exercise with the civilian population. According to the UN, the current level of unemployment in Iraq is around 50-60%: the last thing the country needs is more job losses.
Mr Bremer shows little interest in drawing lessons from the problems caused by economic "shock therapy" reforms in the former Soviet Union, and in Iraq - with the added factor of military occupation - this can only fuel hostility towards the US.
His order number 39 is also, almost certainly, illegal. The Hague regulations of 1907 spell out the obligations of an occupying power under international law.
Article 43 says that, when occupying forces take over a country, they must "ensure, as far as possible, public order and safety, while respecting, unless absolutely prevented, the laws in force in the country".
This means that Mr Bremer is not allowed to change Iraq's existing laws, including those that govern investment, unless it is "absolutely" essential to do so.
Article 55 says that an occupying power is only the "administrator and usufructuary" of state property. "It must safeguard the capital of these properties, and administer them in accordance with the rules of usufruct," it adds.
Mr Bremer, therefore, appears to have no right to sell off nationalised industries.
In the House of Lords last week, Baroness Williams of Crosby tried to ascertain the British government's view of Mr Bremer's approach. She asked whether the government "regard current policies in Iraq to be consistent with the legal advice the prime minister received from the attorney general".
She received the unilluminating reply that "it has been the practice of successive governments not to publish advice from the attorney general".
Fortunately, however, we already have a good idea of what the attorney general, Lord Goldsmith, thinks about the matter. A memo that he wrote to the prime minister, Tony Blair, on March 26, a week after the invasion of Iraq began, was leaked to the press some time ago.
"My view," the attorney general wrote, "is that a further security council resolution is needed to authorise imposing reform and restructuring of Iraq and its government.
"In the absence of a further resolution, the UK (and US) would be bound by the provisions of international law governing belligerent occupation, notably the fourth Geneva gonvention and the 1907 Hague regulations."
He went on to note that the Hague regulations impose an obligation to respect the laws in force in the occupied territory "unless absolutely prevented".
"Thus, while some changes to the legislative and administrative structures of Iraq may be permissible if they are necessary for security or public order reasons, or in order to further humanitarian objectives," he said, "more wide-ranging reforms of governmental and administrative structures would not be lawful."
The restrictions imposed by the Hague regulations, as the attorney general suggested, can only be over-ridden by a UN security council resolution.
Interestingly, the preamble of Mr Bremer's Order No 39 claims just such backing. It states that the order is "consistent" with security council resolution 1483, approved last May, which lifted sanctions against Iraq.
But although the resolution talks vaguely (in paragraph 8e) about "promoting economic reconstruction and the conditions for sustainable development", there is nothing in it that can sensibly be construed as giving Mr Bremer permission to make sweeping changes to the investment law. Indeed, paragraph five calls upon "all concerned to comply fully" with the Hague Regulations.
The legality - or otherwise - of Mr Bremer's order is unlikely to trouble the Bush administration, although future US administrations may have to grapple with the consequences arising from it.
The prevailing view in Washington was set out with astonishing bluntness four years ago by John Bolton, now chief hawk at the state department, when he said: "It is a big mistake for us to grant any validity to international law, even when it may seem in our short-term interest to do so - because, over the long term, the goal of those who think that international law really means anything are those who want to constrict the US."
Whether the British government, which tends to be more squeamish about such matters, agrees with this is still unclear, though the presence of its official from Trade Partners UK at the investment conference in London suggests that it does.
The US, however, has made no bones about its intentions, regardless of what the Hague regulations say, to make as many structural changes as possible in Iraq while it has the chance.
Its hope, of course, is that these will have gone too far to be undone once a proper Iraqi government takes over. On the other hand, the changes may go so far that a future Iraqi government feels obliged to overturn them in order to establish its popular credentials.
In that case, the invasion - with its phoney goals of removing Saddam Hussein and disarming him of weapons that he didn't possess - may be just a prelude to the real battle for Iraq yet to come.




permalink | inviato da il 30/12/2003 alle 18:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


15 dicembre 2003


loro contano

C'è modo e modo di portare un vestito. La giacca può cadere un centimetro prima che le spalle finiscano, i bottoni della camicia possono non nascondere una pancia sconsierata.
Io non ho preblemi quando indosso un vestito. Certo alle volte si intravedono dei peli del petto dalla cravatta. Succede. Ma sono pochi. Tutto somamto conservo la mia alta figura, e copro ciò che resta della pancetta soave.
Quello che non si può sbagliare è la stretta di mano. Quando mi presentano l'assessore tal dei tali, servirebbe una stretta di mano da affondo. Rapida ed incisiva. Serve a far capire che sei tu a portare avanti l'intervista. E' lui a dover rispondere. Serve a cronometrare i minuti necessari ad intuire le mosse successive.
Lo sguardo è essenziale. Non sofferente, non rilassato, sicuro di sè. Come sempre. Evitare trropi sorrisi. non siamo amici. Stiamo lavorando. Il politico ti tratta sempre da grande amico. Poi ti chiede di chiudere un occhio su quel progetto che il Comune, per il cognato, che poi non da fastidio a nessuno, che anche quelli di Forza Italia, e poi...
Nonstante non abbia problemi col vestito, temo che lo sguardo e la mano non possano fare a meno di mettere in risalto tutto il disprezzo che nutro.
Quando mi presentano un palazzinaro, e vedo già tutta la merda incastrata tra il cemento e gli sfratti. Quando mi presentano un assessore e so già che sta pensando ad una redistribuzione dei posti in Giunta. Quando ti presentano quei loschi figuri che conoscono in tanti. Discreti, presentabili, occhiali stile Fabrizio Frizzi. Presidenti delle associazioni degli imprenditori, assobalneari, alberghieri, Rotaty club, Opus Dei, giornalisti nazionali.
E lo scopo della mia carriera sarebbe entrare nel giro?

Una bottiglia di vino grazie.




permalink | inviato da il 15/12/2003 alle 13:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


8 dicembre 2003


Afganistan: documenti declassificati.

Nei recenti documenti decalssificati dal Governo amricano si apprende come nascono i Taliban, la loro funzione stabilizzatrice in Afganistan, e gli interessi della Uncol, gigante energetico americano. Vorrei chiedere a tutti i filoamericani se anche questo fa parte del concetto di democrazia che si vuole esportare. Quello che leggete sono documenti ufficiali, nessun commento. ulteriori informazioni: www.nsarchive.org. This cable describes Raphel's meets with Russian Deputy Foreign Minister Albert Chernyshev which are devoted mostly to Afghanistan. Raphel indicates a growing desire in Washington to resolve the Afghan conflict. "In addition to our traditional concerns - restoring regional political stability, interdicting narcotics, and relieving human suffering -- the USG now hopes that peace in the region will facilitate U.S. business interests like the proposed Unocal Gas pipeline from Turkmenistan through Afghanistan to Pakistan." Raphel proposes an arms embargo to Afghanistan, and the Russians, while emphasizing their continued support for the Mestiri (U.N.) Mission, deny they are giving arms to any faction.




permalink | inviato da il 8/12/2003 alle 15:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


27 novembre 2003


perchè

CASUS BELLI: LA GUERRA IN IRAQ E LE SUE IMPLICAZIONI ECONOMICHE E GEOPOLITICHE

di Sbancor

I miei antichi concittadini denominavano con “casus belli” il motivo per cui una guerra viene dichiarata. Gente pratica, i romani, quelli di allora, beninteso, avevano moltissimi motivi per dichiarare guerra. Uno era il principale: essi erano militarmente i più forti. E però come sempre il più forte fa, essi amministravano la guerra con la discrezione che competeva ad un impero. Mai e poi mai avrebbero fatto discendere la guerra da una superiorità razziale e religiosa. La razza non era concetto di gran moda fra i figli dei centurioni, usi a copulare in molti dei paesi occupati. La religione poi, per i romani, era legata al “genius loci”. Occupato un paese essi , solerti, si preoccupavano di quale fosse il Dio del luogo e prontamente gli erigevano un altare e lo includevano nel Pantheon. L’unico paese in cui questa operazione non riuscì fu Israele, ma, come dir e, la colpa era del Dio locale, che si pretendeva unico. Non a caso Israele fu l’unico paese sottoposto a deportazione di massa e pulizia etnica. Concetti che normalmente non erano parte dello strumentario romano in tema di imperialismo.

Nel caso dell’Iraq, qual è il “casus belli”?

La stampa mondiale, prodiga di articoli, ma altrettanto scarsa in notizie ha provato a costruire diversi “casi”, cioè motivi, per cui la guerra è giusta.

A ben vedere però nessuno regge, non dico a una critica serrata, ma neppure a una disanima superficiale. E’ vero la comunità internazionale non è mai stata prodiga di motivazioni. Nel caso della Serbia, ad esempio, solo la presenza al governo italiano della Sinistra (Do you remember Mr D’Alema?” un personaggio che ai tempi delle Botteghe Oscure era indistinguibile da un membro di seconda mano di una delegazione ufficiale del Partito Comunista Cecoslovacco) convinse il Paese ed il Presidente della Repubblica ad obliare l’art 11. della Costituzione. Negli USA Maddaleine Albright, rischiò l’ulcera, essendo lei caratterialmente dispeptica, per convincere il suo paese, indeciso se Sarajevo fosse sulla Est Coast oppure sulle West, a proclamare una guerra. Quanto sarà costato a Maddaleine finanziare i fondamentalisti islamici de ll’UCK proprio a lei giudea nicodemista? Gli altri Europei si accodarono per motivi oscuri. Avevano a che fare con raffinatissimi calcoli geopolitici, ma il risultato fu che i bombardamenti si concentrarono su Pristina, distruggendo il “Corridoio”più caro agli Europei. Della serie palle e martello.[1]

Assolutamente favorevoli alla guerra era la lobby umanitaria, “noveaux philosophes”, Verdi Tedeschi e pure Sofri Adriano, che invece di pensare ai guai suoi ne provoca di altri e ben più gravi. Pragmatico l’ex leader della Germania unita, il Cancelliere Kohl, era contrario. Pagò il suo dissenso con la tangentopoli germanica.

Lo schieramento progressista Clinton-Blair-Cohen-Bendit-Sofri-Gluksman (si licet de minima curant) lascia il posto nella guerra Irachena a una compagine petrolifera repubblicana e di destra ben più organica. Restano Blair e Sofri, come addetti stampa.

Ma le motivazioni scarseggiano.

· Non si può accusare Saddam di filoterrorismo: l’unico “terrorista vero” residente in Irakera Abu Nidal, compianto membro del consiglio d’amministrazione della BCCI la banca finanziatrice dell’atomica pakistana e di chi sa quali altri misfatti (si sa…si sa..), strappato all’affetto dei suoi cari dai mitra dei servizi segreti iracheni. Non so perché, ma ho il fondato timore che la CIA, lo abbia annoverato tra le perdite…Comunque gli unici campi di AL Qaida in Irak stanno nelle zone Kurde, teoricamente alleate agli USA e membri dell’opposizione a Saddam.

· Non si può accusare Saddam di fondamentalismo religioso. L’unico fondamento che venera è il suo dispoticissimo potere.

· Le armi di distruzioni di massa ci sono. Ma forte è il sospetto che le abbiano fornite gli Stati Occidentali e – ahimè – che le abbiamo finanziate proprio noi via BNL-Atlanta. L’atomica irachena è un sogno tramontato sotto le bombe israeliane. Certo, in futuro, Saddam potrebbe averne una, come tutti d’altronde. Ma allora perché non preoccuparsi subito di disarmare Pakistan e Israele, le uniche due potenze nucleari dell’area?



Esaurite queste motivazioni ufficiali veniamo a quelle ideologiche.

· Adriano Sofri dice che contro il male la guerra è lecita. E porta l’esempio della guerra ad Hitler. Debolissimo paragone. L’unico somiglianza che mi viene in mente fra il Rais e il Fhurer è l’origine dei finanziamenti che li hanno portati al potere o comunque soccorsi in momenti difficili. Nel caso di Hitler parliamo del finanziamento in pool del 1932, organizzato da Schroeder, con la benedizione di Montagu Norman, dissennato governatore della Bank of England, e fra gli altri con i contributi onerosi dell’antisemita J.P.Morgan e del semita Max Warburg. La geopolitica di allora pensava utile rafforzare Hitler contro le mire espansioniste di una Francia che aveva troppo oro per essere gradita al guardiano della Sterlina all’Impero Brita nnico, e alle venali oligarchie di Wall Street. E poi dare una lezione ai comunisti, non fa mai male. Ieri come oggi la geopolitica crea mostri.

· “Il Foglio” e i suoi redattori (ex di tutto), hanno una tesi più brutale: la democrazia ed il libero mercato si può, e si deve, esportare sulle canne dei fucili. Che questo sia detto, fra gli altri da antichi estimatori di Pol Pot e di Khomeini, compromette già all’inizio la forza all’argomentazione e invita allo sganascio. L’unico esempio storico recente, escluso l’impero romano, che comunque esportava il diritto e non la democrazia, è costituito da Napoleone Bonaparte. Sul Bonaparte aprirei una grande discussione storico militare. Le armate francesi crearono le Repubbliche cisalpine e cispadane, inventarono il tricolore italiano, portarono ovunque il diritto amministrativo francese, terrorizzarono i “codini” di tutta europa e fecero sussultare pure l’Impero Britannico. Ma l’idea imperiale di Bonaparte era comunque francocentrica e autocratica, le sue derivazioni politiche dalla Grande rivoluzione sempre più flebili. Fino a scomparire del tutto nella proclamazione dell’Impero. I risultati politici finali poi furono disastrosi: dal 1815 in poi le idee di un nuovo ordine mondiale democratico dovranno sottoporsi ai nazionalismi, ai risorgimenti, e troveranno infine un eco solo nel pensiero rivoluzionario socialista ed anarchico e nella Comune del 1870. E d’altra parte tutto si può dire della “crociata afghana”, tranne che ha riportato la democrazia nell’area. Personaggi come il Generale Dostum e il Presidente Uzbeko Karimov sono più degni di un museo lombrosiano di un manicomio criminale che degli annali della democrazia. Rispondono solerti, che questo è solo l’inizio. Guerra infinita, appunto.

Veniamo dunque a più serie motivazioni. Che si possono così schematizzare:

· Il controllo dei pozzi petroliferi. (Dottrina “Cheney”)

· La teoria delle alleanze instabili finalizzate al controllo di aree strategiche. (Paul Wolfowitz)

Le due teorie non sono contraddittorie, anzi. Entrambe rappresentano la “Logica dell’Impero”. In una sono più forti gli argomenti di geopolitica, nell’altra quelli “energetici”.

Va detto che gli USA non hanno mai fatto una guerra per il Petrolio. L’unica guerra a fini petroliferi può essere considerata il “bening neglect” adottato dagli Inglesi negli anni ’30 nella guerra fra Haschemiti e Sauditi, da cui la dinastia Saud sostituì gli Hussein come punto di riferimento del mondo arabo. Quella sciagurata guerra in cui il colonnello Lawrence avrebbe voluto combattere con gli Hussein, suoi antichi alleati (e non solo) nella rivolta del deserto, ma l’efficace Servizio di Sua Maestà Britannica glielo impedì. Poco dopo l’aviere Ross (Lawrence) trovo la morte in un incidente di motocicletta. Al funerale per l’aviere Ross partecipò, fra l’incredulità generale, J.B.Shaw, e molti altri.

Ma tornando ad oggi vediamo i conti petroliferi.

Nel 1980 gli USA importavano dai paesi arabi OPEC il 47% del totale delle importazioni di petrolio. Oggi, 2002, ne importano il 24,8%.

La dipendenza dal petrolio mediorientale degli USA è dunque diminuita. Nuovi partner sono apparsi sul mercato. La Russia produce 10 milioni di barili di petrolio giorno e ne esporta fra i 4. e i 5 milioni. Il Venezuela da solo copre il 12% dell’import americano (e questo spiega il malanimo nei confronti di Chavez.). Poi vi è il petrolio del mare del Nord, soprattutto norvegese, l’Angola e tanti altri partner diversi dai mediorientali.

La produzione dell’Irak è oggi intorno ai 3-3,5 milioni di barili/giorno. Quasi interamente dedicati all’export, parte nel programma “Oil for Foods”, parte, “illegalmente” attraverso la Siria e in misura minore la Giordania.

Senza embargo e con nuovi investimenti l’Irak potrebbe attestarsi fra i 4 e i 5 milioni di barili giorno.

Non è poco. Ma non è nemmeno tanto da giustificare una Guerra, neppure economicamente, almeno in termini di cash-flow.

William D. Nordhaus, affermato economista e autore di un libro di testo giunto alla 17ma edizione, prova a fare i conti di quanto costerebbe un'avventura militare americana in Iraq. La guerra del golfo del 1990-1991 appare una bazzecola, per le casse americane, in quanto gran parte di un conto di 80 miliardi di dollari fu girato agli alleati, soprattutto all’Arabia Saudita. Con tutta la cautela e le riserve del caso, Nordhaus stima a 121 miliardi i costi di un'eventuale vittoria lampo e a 1600 miliardi i costi di un molto più probabile conflitto protratto: la differenza sono spiegati dai “costi di occupazione” per dieci anni. A differenza del 1991 infatti questa volta l’America non potrebbe ribaltare i costi della guerra: le maggiori entrate della rendita petrolifera servirebbero per la ricostruzione dell’Irak, mentre i costi di occupazione sono stimati in 500 miliardi di dollari totalmente a carico degli USA. La American Academy of Arts and Sciences invece ha una stima maggiore: 2 mila miliardi di dollari.

In realtà l’attacco all’Irak non si spiega con il petrolio.

Neanche guardando al futuro. Il petrolio del futuro sta nell’Asia Centrale, per ora in Kazakistan, nei giacimenti del Caspio. Probabilmente in Cina nello Xin Xiang.

Ma il petrolio dell’Asia Centrale per ora è solo una opzione strategica a cinque/dieci anni. Occorrerà infatti costruire gli Oleodotti. E per non ingolfare il Bosforo, occorrerà portarlo via Turkmenistan, Afghanistan e Pakistan, fino al golfo persico. Il vecchio progetto Unocal (USA) e Delta Oil (sauditi) che probabilmente ha influito sulla guerra afghana. L’attuale presidente Kharzai è infatti un ex consulente Unocal.

Il petrolio irakeno ha invece una funzione tattica. Toglie potere ai Saud. Una valvola di 3-5 milioni di barili giorno fuori dal controllo OPEC, impedisce ad Arabia Saudita, Emirati del Golfo e Iran di stabilire i prezzi del petrolio. Un rubinetto di petrolio con funzioni di arbitro dei prezzi del mercato vale molto solo se si assume che i più di 10 milioni di barili giorni dell’Arabia Saudita e i 5 dell’Iran siano a rischio. Ma è credibile che il più fedele alleato degli USA, i Saud, siano la mano che ha armato il peggior attacco agli Stati Uniti della Storia?

Da un po’ di tempo è iniziata in America una campagna contro i sauditi. Non sono solo gli avvocati delle vittime di Ground Zero a indicare nei sauditi i responsabili dell’11 settembre. Anche il Council On Foreign Relations in alcune sue recenti pubblicazioni, soprattutto in “Terrorist financing”, un rapporto di una task force “indipendente”, indica nella rete di solidarietà religiosa saudita uno dei principali sponsor finanziari di Osama bin Laden.

Qui non importa il fatto, sicuramente vero, importa invece il “timing” della denuncia. Anche un idiota con qualche esperienza mediorientale avrebbe all’indomani dell’11 settembre facilmente individuato nei sauditi, se non nel Re, certo nella complessa famiglia, il vero finanziario sponsor di Osama, altro che i quei caprai montanari dei “talebani”!

Ma perché ora attaccare i Saud, attraverso l’Irak ? Perché la successione è in corso e ancora incerta? Perché incominciano a ritirare i soldi investiti negli USA non solo dalla Borsa. Perché il totale degli investimenti sauditi in America ammontano a circa 1.200 miliardi di dollari, che se ritirati tutti insieme possono provocare una crisi finanziaria di rara bellezza. Perché i Saud controllano una delle più grandi banche americane, Citygroup?

Sono Tesi non priva di realtà, come ha sottolineato l’ultimo numero di “Limes”. Tesi che si sposa con i sogni della corona britannica di ridare l’Irak agli hascemiti del nuovo Re Abdullah.

Tesi che può giustificare perché l’Irak, una volta deciso che bisogna fare una guerra sia il posto giusto. Ma non può giustificare il perché della Guerra.

Come in Afghanistan, d’altronde, la geopolitica spiega solo perché lì e non altrove. Non spiega perché per raggiungere quegli obiettivi la via scelta sia la Guerra.

La Guerra è la continuazione della Politica con altri mezzi, ma occorre aver esaurito tutte le carte politiche perché sia legittimata. Qui invece le carte politiche non sono state neanche tentate. Anzi è stato escluso a priori che l’Afghanistan e l’Irak potessero essere affrontati con un combinato disposto di politica ed intelligence. Insomma la strategia del Golpe, che ha funzionato in Guatemala, in Cile, in Argentina, in Nicaragua, in Indonesia e che ora prosegue in Venezuela non è stata neanche presa in considerazione.

Anche a rischio di uno scontro con l’Europa e l’Onu, la scelta della guerra dell’Amministrazione Bush sembra irrevocabile. Il governo dei petrolieri americani sembra compatto. Ma poi si scopre che i petrolieri Inglesi e Americani, per non parlare dei Francesi e degli Italiani, di questa guerra, e degli effetti destabilizzanti sull’area (rischio dell’allargamento del conflitto all’Iran, peggioramento al di là dell’ipotizzabile del conflitto arabo-israeliano) e sul prezzo del petrolio hanno paura.

E allora qual è la forza potente che spinge verso il peggiore dei Mali: una guerra che non esclude l’opzione nucleare?

E se avesse avuto ragione Arbatov, fedele e raffinato servitore di tutti gli autocrati russi, da Stalin a Eltsin, nel sostenere che la caduta del comunismo è stata per gli USA il colpo peggiore dalla fine della II° guerra mondiale, privandoli di quel nemico storico che dal 1946 in poi ha alimentato la guerra fredda?

E se ora dai meandri di un cervello malato, come quello di Huntington, si fosse diffusa come un cancro l’idea di sostituire al nemico comunista il nemico islamista? Chi ha permesso agli eretici whabbiti di impestare tutto l’Islam, dalla Cecenia, all’Algeria, dall’Indonesia allo Yemen, alla Somalia, alla Nigeria?

Che bello lo scontro di Civiltà! Che bello additare in un miliardario saudita il nuovo Robin Hood dei poveri e dei pezzenti! Un ex agente della CIA che guida le armate del III° mondo contro il sacro suolo degli USA, che punisce col sangue e col fuoco l’ingordigia americana. Un nemico ideale, abbastanza crudele e ramificato da durare, ma che ovviamente non può mai vincere! E come è facile accusare i pacifisti di essere alleati del Male!

E ci cascano tutti da Chomsky ai terzomondismi nostrani!

Guardiamo allora la questione da un altro punto di vista

La crisi americana e mondiale non sembra fermarsi, e se si ferma e solo per ristagnare. Gli Usa hanno un costo del denaro a livelli “giapponesi”. E ancora l’economia non riparte. L’Europa pure è ferma. La Germania e l’Italia fra un po’ spingeranno indietro tutta l’economia europea. La crisi della banche tedesche si trascina fra smentite e iniezioni di liquidità. Se crolla la Fiat saltano anche le prime quattro banche italiane. Il “buco” delle banche giapponesi si misura in trilioni di yen.

E allora?

Allora la vecchia politica della spesa pubblica militare sembra, come ai tempi della guerra di Corea, come ai tempi del Vietnam, come durante le guerre stellari di Reagan e la guerra del Golfo di Bush I°, fornire una via d’uscita.

Ed ecco alcune cifre banali. Alcune maledette correlazioni che stanno alla base dell’economia di guerra.

In dollari correnti le spese per la difesa negli Stati Uniti sono 451,3 miliardi di dollari nel III° trimestre 2002. Il 4,3% di un PIL americano che ammonta a 10.376 miliardi di dollari. E’ molto, ma ancora poco per rilanciare l’economia. La teoria del moltiplicatore keynesiano ci dice che su 1 dollaro speso in “militare” ritornano 2,5 dollari sul PIL.

E’ molto in termini percentuali. E’ ancora poco in termini assoluti.

Nel 2000, anno di “boom economico” la spesa militare contribuiva alla crescita del PIL americano per lo 0,0% Nel III trimestre del 2002, anno ancora di crisi, la spesa militare incide per lo 0,30% sulla crescita del PIL. Non è poco. Ma non basta ancora.

E allora?

E allora Guerra!

Guerra per mantenere il nostro stile di vita, guerra per continuare a consumare l’80% delle risorse in solo 7 paesi del mondo, guerra per le nostre belle automobili, guerra per la tv a colori, guerra per salvare le nostre belle banche, guerra per continuare ad ingrassare, mentre altrove c’è il problema della fame, guerra per le nostre malattie cardiovascolari e per i by pass, guerra per poter continuare a leggere su tutti i giornali che questo è il miglior mondo possibile nel migliore dei mondi possibili. Guerra per non finire come l’Argentina.

Guerra! E maledetto sia chi non ci va! Tanto le perdite fra i militari sono solo il 10% delle perdite totali. Gli altri sono civili.

Guerra! Guerra! Guerra!

(Segue il coro dell’Aida seguito dall’inno nazionale. Il Presidente Ciampi si commuove.)

P.S Mi si dice che il sostegno della Confindustria italiana alla Guerra sarebbe più convinto se a fronte di una nostra partecipazione ci venisse garantito il 30% della privatizzazione Gazprom Russia e l’oleodotto con la Libia. Che dice Presidente, si può fare?…….

Fonte: Rekombinant mailing list - http://www.rekombinant.org




permalink | inviato da il 27/11/2003 alle 18:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


23 novembre 2003


per tutti i giornalisti

Attentato a Istanbul. Colpita la HSBC, una delle maggiori banche mondiali con casa madre a Londra. Questo ce lo hanno già detto i giornali.
Quello che non ci hanno detto è cosa fa la HSBC, come il Fondo Monetario Internazionale sta affossando il paese, come la Turchia è costretta a svendere una delle sue maggiori banche alla HSBC londinese. Come tutto ciò provoca risentimento.
Perchè ritengo che l'odio e gli attentati siano un costo che i finanzieri non avevano calcolato, o forse solo non avrebbero pagato.

Leggete intanto questo articolo:

HSBC Holdings has become the first foreign investor to buy a bank seized by the Turkish government because of insolvency.
The UK bank said on Friday it had received confirmation from the Banking Regulatory & Supervisory Agency of Turkey (BDDK) that its offer for Demirbank was successful.

The sale is part of Turkey's pledge to the International Monetary Fund (IMF) to restructure the troubled banking system, which is seen as the main cause of its financial crisis, in return for a $15.7bn bail-out deal.

"The bank has agreed to purchase the legal entity of Demirbank and has selected certain assets and liabilities to produce a balance sheet of approximately $1.35bn," HSBC said in a statement.

HSBC said it would merge the country's ninth largest bank with its existing Turkish unit to create an institution with assets of about $2.35bn and capital of $250m.

Turkish delight

The panic that has recently gripped the country's financial markets began to ease on Tuesday with the resignation of Enis Oksuz, the minister for transport and communications and a key opponent of IMF activities in Turkey.



BDDK has another 17 banks to sell or close

Since then, the government has restated its commitment to the programme.

Demirbank, one of 18 failed banks in government receivership, was the one considered mostly likely to be sold.

So far, rehabilitating the failed banks has cost Turkey billions of dollars.

The BDDK has promised the IMF it will sell or close all the banks it controls by the end of this year, and has already merged some of the banks in preparation for sale.

Demirbank assets

Demirbank, established in 1953, has about 200 branches, $3bn in deposits and some 650,000 retail customers.

It offers a full range of financial services including online banking, ATMs, and call centres.

Demirbank, which was taken into administration by the BDDK in December 2000, was listed on the Istanbul, Munich and Frankfurt stock exchanges and has an ADR registration in the US.

Neither HSBC nor the agency indicated for how much Demirbank had been sold.

Turkish newspapers cited banking sources as saying a price of between $300m and $350m was being paid.

HSBC also has substantial operations in the Arab world through HSBC Bank Middle East, formerly known as British Bank of the Middle East.




permalink | inviato da il 23/11/2003 alle 13:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 novembre 2003


carabiniere più carabiniere meno

Vittorio Mincato, a capo dell'ENI, ammette senza imbarazzo l'interesse del maggiore e unico gruppo energetico italiano verso la zona di Nassiriyah. "I colloqui - fa sapere Mincato - sono in corso". Caso vuole che proprio Nassiriyah sia la zona dove sono stati stanziati i militari italiani per proteggere l'ospedale. Sarà stata forse la distrazione. Ma l'unico ospedale italiano in questo momento si trova a Bagdad. Domanda: i 15 carabinieri sono morti per portare la pace o per strappare alla TotalELfFina (in affari con Saddam prima della guerra) una quota nei contratti di sfruttamento petroliferi?
In compenso la produzione del petrolio è stata affidata ad una trojca presieduta da Philip Carroll, ex amministratore delegato della Shell.
Qual'è il prossimo paese da democratizzare?




permalink | inviato da il 16/11/2003 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


13 novembre 2003


Il fattore D. e le carceri inglesi

Non andare D.
Gliel'ho detto. lo ho ripetuto ad alta voce mentre sedeva composto sul sedile accanto al mio.
Non andare.
L'aereo è un nemico questa volta. D ha deciso di testa sua. Dopo il funerale ha preso un bacio. Poi si è addormentato sul mio letto senza togliersi gli occhiali.
Il primo mese in carcere è stato duro per lui. Non ha mai avuto muscoli, non ha mai avuto ottimi avvocati. Ma lui ha gli occhiali a montatura leggera, una camicia sempre ben stirata, qualche milione di debiti, e un improt export di auto dalla Germania. D.
D. sa benissimo che potrebbe tornare dai suoi compagni afrolondinesi in una cella dalle dimensioni esigue. Sa che questa volta non ci soon i permessi. Sa che la banca non gli concede prestiti. Sa che le vetrine si rompono copn un grande sasso. Sa che i giorni di prova non si pagano. Sa che scaricare patate di notte non è un investimento per il futuro. Sa che la pasta da Tesco costa di meno ma il sugo fa schifo. Sa che gli appartamenti costano meno di una cella, le donne sono alcoliste o drogate, la gente sorride poco, la droga è un fiore ammaliante.
D sa che questa volta ci vuole una protezione molto più importante. Sa dell'aria delle cinque di mattina quando si affittano i richo per i turisti, sa dei giornali italiani così profumati, sa della moquette e dei ferri da stiro impossibili. Sa di F. Sa che F. non vuole più.
E sa che V gli ha detto. Non andare.




permalink | inviato da il 13/11/2003 alle 11:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 novembre 2003


Tavole da Stiro

Mordimi i capezzoli. È difficile da capire in inglese.
Anche se certe cose – dice F. – si capiscono al volo, basta uno sguardo.
Sostiene M. che quando l’ha portata nella mia stanza il volto di G. si è tinto di rosso. Ricorda M. che nella mia stanza non ci si riesce a concentrare bene per via di tutti quei ritagli e scorci che ingombrano il muro. Quando M. ha chiuso a chiave la porta della mia stanza G. non l’ha presa bene.
Saranno le cinquanta persone che nel mentre stavano finendo di tracannare il Jhonny Walker e la Tequila liscia. Sarà la stufa di mia madre che veniva trascinata per tutta la casa, o le dieci persone che hanno tentato di salire contemporaneamente sulla tavola da stiro di mio padre.
Sarà. Comunque M. ha fatto un’ora di petting.
Io ero in bagno.
Era il mio bagno.
Lo stesso specchio di fronte al quale mi lavo i denti tutte le mattine. Lei si era arrampicata sul lavabo. Perché? Perché porca madonna? Non c’è bisogno. Ho tre stanze da letto.
Comunque. Io ho fatto trenta minuti di petting.
F. continua a girare intorno alla biondina tutte tette e alla moretta “non ho niente di speciale ma te la do prima di lei” – che poi è una nuova tipologia di donna. Che comunque neanche F. è riuscito a scoparsi.
Per fortuna B. mi ferma nel momento in cui prendo a calci il vaso di finto rame che da anni devo tollerare in salone. Il pavimento è appiccicaticcio. Sento lo scalpitare dei piedini scarpati ciancicare tra Rum e vodka.
Nessuno ha portato il vino.
L’unica bottiglia di vino.
La mia.
Finisce sul muro di casa.
La mia.
È passata l’una e continuo a sentire il citofono squillare. Gi. apre.
Entra L.
L. mi vede con D. D. è appena scesa dal lavabo.
Buonasera.
Buonasera.
D ha dei capelli lunghi di un colore del quale proprio non saprei. Sono daltonico. L. ha un modo di fare molto particolare. Molti, e tra questi M., sostengono che L. sia un po’ zoccola.
Finalmente io e M. decidiamo di infilare sotto la doccia un paio di ragazze. M. si bagna. Le ragazze no.
B. è spaesato.
La gente balla.
Chi sono questi?
Che cazzo ci fanno a casa mia?
Li ho invitati io. È vero.
Gi è andato, muove le braccia in mezzo al salone.
Parte l’assalto alla dispnesa. Respingo le prime fila. Secondo attacco. Onda d’urto fortissima.
Partono i tegolini.
È il caos.




permalink | inviato da il 7/11/2003 alle 23:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


1 novembre 2003


Non

Poteva anche non accadere.
Il vino era un rosso di bassa qualità. Romagna o giù di lì. La tavolata raccoglie quattro generazioni. Novantenni arzilli, cinquantenni incazzati, ventenni calvi, bambini.
Due bambini.
"Ti sei sciupato, porello. Mangia mangia." dice nonna.
Affondo la forchetta (servizio buono) tra il ragù e le tagliatelle.
"Ma non mangia niente tuo figlio?" - dice nonna.
Tocco il mio stomaco tondeggiante. Ultimo volta che hai fatto sport? 1999.
Sesso? Lascia stare.
Affondo il coltello nella vitella al latte.
"Vittoriuccio non ti piace? Mangia mangia".
Mangio.
Zia insiste col vino. Mio cuginetto vuole farmi giocare a un gioco nuovo giapponese con dele carte che solo per capire cosa c'è scritto devi avere una laurea in ingegneria botanica.
"Ancora vino?"
Grazie.
Basta. serve una svolta.
Prendo la chitarra, e giù Baglioni con mia nonna che canta un'altra canzone della prima guerra mondiale. Intervengono i ricordi. Mio zio quando ha cantato con Villa. Storia nota. molto nota. Storia abusta.
Baglioni arriva dritto sui coglioni passando per Tozzi.
Entusiasmo collettivo.
Mio padre sfoglia silenzioso il giornale.
Mia nonna fa un assolo.
Sbaglia canzone di nuovo.
Posa la dentiera sul tavolo.
Proprio accanto al mio bicchiere.
Non ho sete grazie.
Vabbè io vado.
"Di già? Ma non hai mangiato niente?"




permalink | inviato da il 1/11/2003 alle 17:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 ottobre 2003


M e X

M. si sta arrovellando tra le lenzuola. L'alito saprà decisamente di alcool. Il portafoglio accanto al letto. Intatti. Condom durex sottili ancora sigillati nella scatolina cool liquido. Mi chiama. "V. mi sa che ieri è andata male..." "M. che vuol dire mi sa?" "V. non ricordo un cazzo... ma con chi sono uscito ieri?" "Bo... forse la DJ." "Ma che davvero.... sono un mito." "Scusa M. non vedo il mito" "La DJ più figa di tutto il locale" "Scusa M. i dj erano due, e uno era maschio.." "Sì ma lei era una figa lo stesso" "Sì ma era anche un bel troione se ti ricordi. Adesso scusa se insisto. non vorrei smontarti. Però era un troione" "Era un troione?" Si "Allora V. sarò uscito con un'altra" "Può darsi M" "Può darsi V" "Allora M. io mi metto a studiare" "Nooo V. ti fa male. Hai già pochi capelli" "Hai ragione M. chiama le due tipe di martedì che ci andiamo a prendere un caffè da loro" "Buona idea V. Scusa V. chi cazzo sono quelle di martedì?" "Sei una merda: Lei, australiana, mesche, conversazione brillante, propensione a sputare quando parla di politica. E quella è la tua. Dovresti anche avere il suo numero di telefono da qualche parte" "Ehm.... e la tua?" "La mia è la madre. Australiana, alta, stupida come una cozza, bellissima". "Come la madre? Mica avevo capito fosse la madre" "Lascia stare M. ricordati di vestirti" "Va bene V".




permalink | inviato da il 30/10/2003 alle 11:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre       
 
rubriche
Diario
ATENDA IN LINEA

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
cerca
me l'avete letto 14810 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom